La transizione energetica ha bisogno di alleanze in nome della sostenibilità

OMC-Med Energy Conference e l’ANEV – Associazione Nazionale Energia del Vento hanno siglato un protocollo d’intesa per la messa a punto di modelli di sviluppo sostenibile in campo energetico, consapevoli che soltanto un approccio olistico possa veramente favorire la transizione e mettere in campo soluzioni molteplici come risposte concrete ai cambiamenti climatici. OMC-Med Energy Conference, la principale manifestazione dell’energia del Mediterraneo che si tiene a Ravenna, già da alcune edizioni affronta il tema della transizione verso la decarbonizzazione con il contributo del settore produttivo nonché di studiosi, climatologici e organismi internazionali.

Quest’anno l’appuntamento compie un ulteriore, decisivo, passo in avanti avviando un programma che include alleanze trasversali, affinché competenze e know how possano integrarsi promuovendo un percorso di conversione e trasformazione verso obiettivi di sostenibilità di lungo termine.

Non a caso questa XV edizione ha per tema Rethinking Energy together: alliances for a sustainable energy future (Ripensare l’energia insieme: creare alleanze per un futuro sostenibile).

L’ANEV è un’associazione di protezione ambientale, vede riunite circa 95 aziende rappresentanti il comparto eolico nazionale in Italia e all’estero. L’energia eolica offshore nei prossimi anni avrà sempre più un ruolo centrale nel processo di transizione energetica e sarà presente nel nostro Paese, grazie soprattutto alla tecnologia flottante, adatta per mari come il Mediterraneo.

Il documento siglato, in linea con il tema delle alleanze al centro della strategia di OMCMed Energy Conference, comporta una collaborazione strategica con l’obiettivo di rafforzare il percorso di evoluzione del settore offshore in Italia e prevede un impegno comune per la condivisione e lo scambio di informazioni, per l’organizzazione di seminari e convegni. L’ANEV entrerà a far parte del Comitato Scientifico di OMC offrendo il proprio contributo tecnico-scientifico e promuoverà la partecipazione delle aziende associate agli eventi organizzati da OMC. 

I tempi sono ormai maturi perché la tecnologia eolica offshore si diffonda anche in Italia, consentendo al nostro Paese di usufruire di questa fonte così come per gli altri Paesi europei. ha commentato il Presidente dellANEV, Simone Togni Pertanto, la firma di questo accordo è molto importante per favorire il necessario processo di sviluppo delleolico offshore, percorso imprescindibile se si vogliono raggiungere gli obiettivi di decarbonizzazione e la transizione energetica. A tale scopo lANEV ha inviato al Governo la richiesta di aggiornare gli obiettivi al 2030 del Piano nazionale integrato per lenergia e il clima, rivedendo il potenziale delloffshore da 900 MW ad oltre cinque volte tanto.

Con ANEV realizziamo unalleanza che rappresenta una sinergia naturale di OMC, quella legata allevoluzione delloffshore. La rete di alleanze che ne deriveranno consentirà di mettere a fattor comune le conoscenze per dare contributi comuni alla grande sfida che ci impone il cambiamento climatico e per favorire anche levoluzione delle competenze attraverso la contaminazione dei saperi. sostiene Monica Spada, Presidente di OMC- Med Energy Conference 2021 Promuovere il dibattito su strategie di sviluppo sinergico è nel DNA di OMC-Med Energy Conference e per questa ragione stiamo avviando importanti partnership, non soltanto per allargare lorizzonte della manifestazione, ma per confermare il suo grande potenziale aggregatore, necessario per alimentare la sfida della transizione.